Salone Internazionale del Mobile 2016: Marco Piva interpreta le cucine Euromobil con Arteguarda fotogallery

Salone Internazionale del Mobile 2016: Marco Piva interpreta le cucine Euromobil con Arte

Novità Assoluta Salone Internazionale del Mobile 2016: Marco Piva interpreta le cucine Euromobil con Arte.
Dal 12 al 17 aprile, vieni a trovarci per vedere e toccare con mano tutte le novità 2016 - Pav.10 C19 D18

 

Al Salone Internazionale del Mobile 2016, Euromobil cucine presenta l’interpretazione Arte, the new cooking hub, di Marco Piva.
Il Concept del progetto nasce dalla consapevolezza che l’ambiente cucina è un luogo speciale, all’interno delle mura domestiche, dove si utilizzano, trasformandoli, gli elementi della Natura: l’acqua, il fuoco, l’aria e la terra. Un luogo quasi alchemico, un laboratorio di sperimentazione e di ricerca tra tradizione ed innovazione.

La cucina, oggi, coniuga gli aspetti consueti di un ambiente interno e privato con altri, più attuali, aperti alla socializzazione. Questa polivalenza funzionale, che influisce fortemente sulla configurazione spaziale e funzionale, deriva anche dal rapporto sempre più intenso instauratosi tra gli ambienti cucina e living che sovente si trovano in condizioni di contiguità.

Nella fase di progettazione di ARTE è stato fondamentale tenere conto della flessibilità di utilizzo e dell’attuale “contesto culturale“, sviluppatosi attorno al tema del “cibo", alla ricerca di una nuova consapevolezza in merito alla sua origine, al suo percorso di trasformazione, di conservazione ed infine, di consumo; in sostanza una ricerca sull' equilibrio dinamico tra necessità nutritive e ritualità di preparazione sempre nuove.

Gli elementi compositivi di ARTE sono conseguentemente stati definiti sulla base di questa dinamica dualità, come volumi attivi destinati a “contenere“ a “esporre“ e persino a “coltivare“ il CIBO. 

Tutti gli elementi tecnici della cucina, piastre, lavelli, rubinetti, cappe, possono scomparire e apparire, grazie a un sistema meccanico, ante nascoste nei contenitori a terra o nei pensili, contribuiscono a conferire un assoluto senso di pulizia ed eleganza alle infinite possibili composizioni di ARTE e di conseguenza agli ambienti in cui queste vengono inserite.

La modularità dell’intero sistema permette una completa personalizzazione da parte dell’utente finale, con misure, finiture e colori personalizzabili. Dal punto di vista della forma, il cardine visivo è costituito dal grande Portale che, quasi fosse la cornice di un dipinto, inquadra le composizioni volumetriche e funzionali a queste correlate. Le forme sono interpretate da materiali tra loro diversi e contrastanti, quelli naturali - pietre e legni - contrapposti a quelli artificiali- vetri e metalli.

Anche la gestualità, pensata per attivare le numerose funzioni di Arte, è stata studiata, per ridurre al minimo i movimenti necessari durante la preparazione e la presentazione del Cibo e per introdurre piccole magie tecnologiche segnalate dalla luce.

ARTE è la cucina del futuro, destinata a svolgere le proprie funzioni senza rinunciare a configurarsi come un oggetto di forte valore estetico.

- - -

Designer MARCO PIVA: scopri