1985

Euronews

Euronews

Nel 1985 il Gruppo decise di investire su un’altra pubblicazione: “Euronews”, che sin dal nome voleva comunicare un segnale forte di cambiamento e sottolineare la trasformazione culturale e produttiva dell’azienda. Il sottotitolo della testata, “Arredamento, Arte, Informazione, Sport”, indicava gli interessi del Gruppo e gli investimenti futuri. “Euronews” fu pubblicato fino al 2000 e distribuito a seimila tra clienti, rivenditori e fornitori. Nel corpo della rivista compaiono i redazionali sui prodotti, permangono i consigli del fiscalista come ne “La Pialla”, ma i contenuti si svincolano dalle questioni sull’andamento economico del Paese e dai problemi della produzione a livello locale. In “Euronews” si dà molto spazio alle campagne pubblicitarie del Gruppo e alla comunicazione degli investimenti promozionali, non solo come campagne istituzionali e pianificazioni pubblicitarie sui vari media, ma anche come cataloghi e nuovi strumenti di vendita. Si rendono note anche le innovazioni tecnologiche su cui il Gruppo Euromobil ha investito, come l’ampliamento delle strutture produttive, il programma ADA o l’impianto del telefax (1986), oppure l’estensione del software ADA alla progettazione dei punti vendita (1993) e il numero verde per i clienti (1995).