Residences - tutti

Università Bocconi Milano

Gruppo Euromobil scelto come partner dalla Bocconi L’azienda veneta ha arredato la nuova residenza per studenti dell’Università Bocconi

L’Università Bocconi di Milano ha scelto Gruppo Euromobil per arredare la residenza degli studenti in Viale Bligny 22, nello specifico un totale di 62 appartamenti. La fornitura, completata recentemente, comprende 28 cucine Filolain, realizzate in melaminico bianco opaco, per gli appartamenti e 4 cucine dello stesso modello per gli spazi collettivi, tutte comprensive di elettrodomestici. Arredate inoltre 176 camere da letto e fornite 644 sedie, oltre a vari arredi per le zone comuni (accoglienza, zona reception e guardaroba). I soggiorni-cucina degli appartamenti hanno una zona pranzo e una relax. Nelle camere dei singoli studenti, per creare un ambiente confortevole, Gruppo Euromobil ha sviluppato l’idea di un unico grande arredo che si articola e che integra le diverse esigenze funzionali, dal dormire, allo studiare, ad accogliere ospiti. Oltre alle cucine di Euromobil cucine, gli spazi comuni e gli ambienti studio/ricreativi sono stati arredati con tavoli, sedie e divani Zalf mobili e Désirée divani. Il valore aggiunto di Gruppo Euromobil rispetto ai competitor è infatti proprio la forza di compenetrazione dei suoi tre brand. La capacità progettuale e produttiva di arredi per ogni ambiente, l’utilizzo di materiali e finiture di qualità, trasversali e integrabili in combinazioni infinite, permettono di creare ambienti dallo stile coerente, coordinato e accogliente. “Gruppo Euromobil oggi può affrontare la committenza più complessa, sia residenziale sia contract, come nel caso della Bocconi, grazie alla nostra esperienza pluriennale e al nostro stile di concepire l’arredo globale dello spazio, coordinato e armonico” - afferma Ivano De Vecchi, Responsabile Contract di Gruppo Euromobil. “Abbiamo competenze di design attente all’evoluzione dei modelli abitativi di oggi, oltre ad investire costantemente in ricerca, innovazione e tecnologie all’avanguardia, come l’utilizzo sempre più frequente nella nostra offerta di materiali eco-compatibili e di componenti testati per garantire oltre al comfort anche il benessere della persona”.

 

• Progetto architettonico Studio Fabio Nonis Il progetto consiste nella realizzazione di un nuovo edificio adibito a residenza per studenti di proprietà dell'Università Bocconi. E' ubicato nel margine settentrionale di un isolato semicentrale quasi interamente occupato da edifici di proprietà dell'Università, al cui interno vi è un grande spazio aperto. Al piano terra infatti la sollevazione del blocco centrale crea un ampio invito che accoglie il flusso degli studenti provenienti dalle fermate dei mezzi pub¬blici antistanti. Verso l’interno, invece, l’edificio costruisce uno spazio a corte che opera una mediazione tra la strada e il grande spazio pubblico del Campus, collegati dall’ampio passaggio pedonale al piano terra. In questo modo, l’articolazione dei corpi di fabbrica riesce a collegare fra loro gli edifici esistenti e a creare uno spazio più intimo alla scala della residenza. La natura residenziale dell’edificio basa sulla ripetitività dell’elemento finestra la connotazione principale dei prospetti. I fronti sono costituiti da una facciata ventilata in lastre di cotto e i serramenti sono in profilati di alluminio a taglio termico con vetrocamera. Le funzioni dell'edificio si articolano come segue: al piano terra, si trovano spazi per servizi universitari e spazi comuni per gli studenti; al piano primo interrato sono collocati altri spazi comuni di servizio per studenti e i locali tecnici; le residenze per studenti occupano tutti i piani superiori dal 1° al 7°.

 

• Progetto di arredo Studio Fabio Nonis Il progetto dell'arredo ruota intorno alla camera del singolo studente come elemento centrale e ripetuto all'interno delle diverse tipologie (ad albergo ed a nucleo integrato). Per creare un ambiente domestico e “avvolgente”, che possa accogliere ragazzi generalmente ai primi anni di frequenza, quindi molto giovani e spesso alla prima esperienza fuori casa, si è pensato non alla giustapposizione di elementi diversi di arredo, ma ad un unico grande “oggetto” che si articola e che integra le diverse esigenze funzionali, dal dormire, allo studiare, all’oziare, al contenere … e che definisce le due dimensioni della camera. Dall’armadio posto all’ingresso, si passa, senza soluzione di continuità, alla libreria integrata con il letto e successivamente alla testata del letto, che si abbassa per diventare comodino, per collegarsi in ultimo con la scrivania posta sotto la finestra di fronte alla porta. Seduti alla scrivania, lo sguardo può spingersi lontano e guardare attraverso la finestra, in quanto la sua vetrata arriva fino alla quota del piano di lavoro. Si assecondano così i ritmi dello studio, che alterna fasi di concentrazione e fasi di distensione. Per l’arredo delle camere è stata scelta un’unica finitura, il rovere naturale, che enfatizza questo carattere avvolgente e che riprende il calore dello stesso legno posato a pavimento. Grande attenzione è stata posta alla capacità contenitiva degli arredi, considerandola un’esigenza fondamentale per gli studenti fuori sede e che spesso vengono anche dall’estero. In camera sono stati previsti: un ampio armadio con ripiani, cassetti, doppia appenderia e una piccola cassaforte portavalori; una modulo di libreria che si estende sopra al letto e che contiene nella parte bassa una scarpiera; un letto contenitore per gli oggetti più ingombranti; un vano comodino e una cassettiera su ruote. Gli ingressi e i disimpegni degli appartamenti sono dimensionati per ospitare altri armadi contenitori che vengono condivisi ogni due camere. Si è scelta per questi ultimi e per le cucine degli appartamenti/collettive una finitura più neutra, un melamminico di colore bianco. I soggiorni-cucina degli appartamenti accolgono una zona pranzo e una zona relax, per la quale si è scelto un elemento giocoso e allegro, un divano da esterni componibile, in materiale plastico, molto resistente e caratterizzato da colori caldi e vivaci (giallo senape, rosso, arancio). Negli altri spazi comuni, sale studio/ricreative poste ai piani tipo e al piano terra e interrato, sono stati previsti tavoli e sedie con struttura metallica e rispettivamente piano e scocca in legno di rovere (stessa finitura degli arredi delle camere). I divani per queste aree sono invece di tipologia più tradizionale, imbottiti con rivestimento in tessuto di colore blu (colore istituzionale della Bocconi).

Torna su