Gruppo Euromobil, main sponsor

Premio ex aequo a due artisti, per la 12ma edizione del Premio Gruppo Euromobil under 30

La pittrice Barbara De Vivi (Venezia 1991) con l’opera “Notturno, presentata dalla Galleria Marcolini, stand B92 hall 25 e Matthew Attard (Malta 1987) con “Untitled (You are a poser!)”, presentato dalla Galleria Michela Rizzo, stand A47 hall 25.

 

Come per gli anni passati, un numero importante di gallerie ha risposto alla call for artists lanciata dal Premio Gruppo Euromobil under 30 nell’ambito della 42ma edizione di Arte Fiera Bologna. Ogni galleria ha candidato un artista con una o più opere.

I fratelli Lucchetta, titolari di Gruppo Euromobil, da 12 edizioni main sponsor di Arte Fiera, hanno voluto sottolineare l’importante ruolo delle Gallerie che hanno candidato gli artisti: “in questi 12 anni di nostra presenza ad Arte Fiera come Main Sponsor e promotori del premio riservato agli under 30, abbiamo potuto conoscere da vicino oltre ai giovani artisti, anche il lavoro di tantissime gallerie italiane e straniere che con grande impegno ed entusiasmo scoprono, sostengono e promuovono nuovi talenti. E’ anche grazie al loro intuito e alla loro ricerca se, in questi anni, abbiamo potuto arricchire la nostra collezione con opere di artisti che nel tempo sono ulteriormente cresciuti e hanno raggiunto importanti traguardi. Pensiamo ad Adelita Husni-Bey (vincitrice nel 2011 della quinta edizione) che ha esposto al Padiglione Italia nell’ultima Biennale di Venezia oltre ad altri nomi attivi sulla scena artistica contemporanea. Le Gallerie candidate: Galleria Michela Rizzo; MLB Maria Livia Brunelli; Ncontemporary; L'Elefante – arte contemporanea; Studio d’Arte Raffaelli; Galleria Marcolini; Guidi&Schoen; Francesca Antonini Arte Contemporanea; Montrasio Arte; Montoro12 Contemporary Art; L’Ariete Artecontemporanea; Maurizio Corraini; Prometeogallery.

 

La Giuria (Gaspare, Antonio, Fiorenzo e Giancarlo Lucchetta, titolari di Gruppo Euromobil e collezionisti d’arte; Angela Vettese, direttore di Arte Fiera; Beatrice Buscaroli, critico d’arte; da Aldo Colonetti storico del design e dal designer Cleto Munari. Segretario della Giuria: Roberto Gobbo) ha così motivato la scelta dei Premi: “il dipinto della De Vivi è un grande olio su tela da cui emergono figure, animali, tracce di natura: un mondo denso e ricco di citazioni colte e richiami all’arte del passato ma anche estremamente contemporaneo nel suo mistero, nel suo svelarsi a poco a poco, nel suo silenzio riservato. Le sculture di Matthew Attard, realizzate con fili di alluminio - attraversano la linea sottile che divide astrazione e figurazione ricomponendo immagini riconoscibili e addirittura, trattandosi di figure femminili, estremamente seducenti”.