Music

12 ottobre 2003 - 7 marzo 2004 | Gorizia, Palazzo Attems e Castello

La città di Gorizia celebra con una grande antologica un suo illustre concittadino. Zoran Music è nato infatti nel capoluogo isontino nel 1909 e qui ha trascorso la sua infanzia e ha avuto le prime sollecitazioni visive circa la pittura. La mostra è sicuramente il più grande omaggio italiano che gli sia mai stato dedicato, e viene alcuni anni dopo la felicissima occasione di aver potuto esporre, con una rassegna riepilogativa, al Grand Palais di Parigi, città di Music ormai da molti decenni, unitamente a Venezia. L’esposizione goriziana è divisa in due sedi. La pittura è ospitata nelle sale del ristrutturato Palazzo Attems, mentre il lavoro su carta trova la sua collocazione nelle sale del Castello, con alcuni quadri utili a legare i vari paesaggi. In totale, a essere esposte sono oltre 150 opere, tali da ripercorrere con efficacia le tappe del lavoro di uno tra i maggiori pittori europei. Nulla manca dei suoi cicli celebri, sia per il disegno che per la pittura, con quel senso evocativo che sempre lo ha contraddistinto. Disegnasse il campo di concentramento di Dachau o dipingesse le colline senesi, l’apparizione di cavalli al galoppo o il profilo di una cattedrale dentro la luce di una nebbia dorata, sempre Music ha reso il fascino di un mistero che non si è mai fermato sulla soglia del reale.