Alberto Biasi a San Vitale, la luce e gli ambienti della storia

Alberto Biasi a San Vitale, la luce e gli ambienti della storia

Ravenna, Museo Nazionale di Ravenna / Mausoleo di Teodorico | 29 marzo - 14 settembre

A cura di G. Granzotto e A. Ranaldi

Il Museo Nazionale di Ravenna ospita dal 29 marzo 2014 la mostra “Alberto Biasi a San Vitale, la luce e gli ambienti della storia”, una grande retrospettiva dedicata al Maestro dell’Arte Cinetica e Programmata nella spettacolare cornice classica del complesso benedettino della Basilica ravennate. In contemporanea, il Mausoleo di Teodorico accoglie un nucleo di opere in acciaio cor-ten di Biasi, in un dialogo ideale fra arte contemporanea e storia, in luoghi che sono patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. La mostra è a cura di Giovanni Granzotto e Antonella Ranaldi, Soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Ravenna, Ferrara, Forlì-Cesena e Rimini. L’iniziativa è organizzata da Il Cigno GG Edizioni in collaborazione con lo Studio d’Arte G.R., e con il sostegno delGruppo Euromobil.

L’esposizione ricostruisce il percorso creativo di Alberto Biasi, dagli esordi sul finire degli anni ’50 alle più recenti sperimentazioni, attraverso circa sessanta opere, che costituiscono una vera e propria antologia della sua produzione artistica. Lamelle e sovrapposizioni di piani in grado di simulare il movimento, giochi di luce, illusioni ottiche tridimensionali, composizioni interattive, animano gli spazi monumentali in un gioco di rimandi fra tradizione classica e sperimentazione. Si inizia con le Trame, prime sovrapposizioni di carte forate, si prosegue con le Torsioni ed i Rilievi Ottico-Dinamici, per approdare ai Politipi. In conclusione, vi è un’ampia sezione dedicata agli Assemblaggi e alle opere dell’ultimo periodo. I curatori hanno anche previsto una ricostruzione ad hoc, per gli spazi di Ravenna, di alcuni storici ambienti, fisicamente calpestabili, del maestro, come Eco-ombre Light Prisms-tuffo nell’arcobaleno.

Alberto Biasi, fondatore nel 1959 del Gruppo N e motore trainante del collettivo fino al suo scioglimento, è una figura cardine dell’Arte Cinetica e Programmata a livello internazionale. Negli anni ’60, partecipa alle iniziative di Azimuth, aderisce al movimento “Nuove tendenze”, contribuisce alla fondazione del movimento “Arte Programmata” ed espone le sue opere in tutto il mondo, a partire dalla celebre mostra itinerante americana “The Responsive eye”. Dopo le sperimentazioni del cinetismo, Alberto Biasi si dedica ad una ricerca solitaria ed elabora originali forme di linguaggio, giungendo alla produzione di innovativi e geniali cicli creativi. Le sue opere sono conservate nelle collezioni dei più grandi musei internazionali fra cui il MoMA di New York, la GNAM di Roma e l’Hermitage Museum di San Pietroburgo