giuseppe zigaina

Giuseppe Zigaina nasce a Cervignano del Friuli (Udine) nel 1924. Nel 1943 espone le sue opere nelle sale della Fondazione Bevilacqua La Masa di Venezia, città nella quale completa gli studi artistici. Fondamentale per la sua formazione di intellettuale è l’incontro con Pier Paolo Pasolini, nel 1946, con il quale stabilirà una profonda amicizia e proficua collaborazione artistica. A partire dal1948 espone in più occasioni alla Biennale Internazionale d’Arte di Venezia. A ventiquattro anni è già tra i protagonisti dell’arte nazionale e assieme a Guttuso, Pizzinato, Maltese, De Grada, De Micheli e Treccani getterà le basi del movimento realista. Dalla fine degli anni Cinquanta Zigaina comincia a distaccarsi dal Neorealismo. Il colore comincia a farsi “acido e stridente”, e la forma tende ad aggrovigliarsi in filamenti grafici come nelle rievocazioni pittoriche della figura paterna o nel tema dei paesaggi. I fratelli Lucchetta hanno nel tempo contribuito a sostenere l’attività espositiva del maestro friulano. Significativa l’antologica del 2000 al Museo Revoltella di Trieste con un catalogo a cura di Carlo Pirovano edito per l’occasione da Electa, e la mostra alla Permanente di Milano del 2005 con catalogo SilvanaEditoriale. In occasione dell’85° compleanno del maestro, Marco Goldin realizzerà un’importante retrospettiva nelle sale museali di Santa Giulia a Brescia in concomitanza con l’evento dedicato a Van Gogh nell’ambito delle Grandi Mostre che da alcuni anni Euromobil contribuisce a realizzare a Brescia.

giuseppe zigaina