fabrizio plessi

Fabrizio Plessi (Reggio Emilia, 1940) è oggi riconosciuto come il maggior artista internazionale nell’ambito della videoinstallazione. La sua formazione è avvenuta a Venezia, dapprima al Liceo Artistico, e in seguito all’Accademia delle Belle Arti dove diverrà titolare della cattedra di Pittura. La ricerca visiva, attraverso films e videotapes, lo impegna sin dalla fine degli anni Sessanta e le sue opere vengono esposte nelle Biennali d’Arte veneziane del 1970 e 1972. Le sue presenze all’interno della Biennale d’Arte Internazionale sono molte e sempre significative: nel 1986 è chiamato a rappresentare l’Italia con l’opera, Bronx; di grande impatto visivo è “Mare verticale” che nell’edizione del 2005 viene collocata nell’acqua della laguna per 44 metri di altezza. Prestigiosi luoghi espositivi accolgono nel tempo le opere di Fabrizio Plessi: dal Centre Pompidou, Beaubourg di Parigi, alla Rotonda della Besana a Milano, a Palazzo dei Diamanti a Ferrara, al Museo Espanol de Arte Contemporaneo di Madrid, al Museo Ludwig di Colonia, al Kunsthistorisches Museum di Vienna sino al Guggenheim Museum di New York, Bilbao e quello di Venezia. L’intesa con i fratelli Lucchetta viene resa ancora più forte da due straordinari progetti che vedono l’artista impegnato a realizzare nel 2001 Waterfire, una suggestiva istallazione di video che percorrono la facciata del Museo Correr e che riflettono alternativamente l’immagine del fuoco e dell’acqua nella straordinaria Piazza San Marco di Venezia, e nel 2002 Paradiso Inferno nelle esclusive sale delle Scuderie del Quirinale a Roma.